robedimontagna
View this post on Instagram

Splendida giornata di sole che ci fa incamminare con entusiasmo dalla Baita Camoscio (1750m), poco sopra San Simone, seguendo dapprima il sentiero 116 e poi il mitico 101, passando per le baite Fontanini. Scorgiamo numerosi antichi muretti di recinzione del bestiame denominati baréch, specie una volta affacciati nel vallone sotto al passo Tartano, immersi nella vasta tavolozza di un verde brillante che domina i pendii. Sempre il 101 ci affaccia sulla vallata successiva dominata dai laghi di Porcile, che scorgiamo dall’alto. Ci avviciniamo oltrepassando con attenzione le lingue di neve marcia sul pendio. Lo splendore dei laghi ci coccola per una sosta ristoratrice, prima di riprendere il cammino abbandonando i solitari specchi d’acqua, proseguendo sul più basso sentiero 112, al quale fa da sfondo la sottostante Val Tartano, alle cui spalle scorgiamo le imponenti vette delle Alpi Retiche. Risalendo alla volta del passo ci troviamo circondati dai resti della linea Cadorna, opera difensiva mai utilizzata, risalente al primo conflitto mondiale. Giunti al passo altra breve sosta condita da un bel panorama su entrambe le vallate, prima di intraprendere la salita verso cima di Lemma, che raggiungiamo in una mezz’ora abbondante. Dai suoi 2345 m godiamo di una fresca vista mozzafiato, prima di intraprendere la suggestiva e facile cresta che ci riporterà a valle al punto di partenza della baita Camoscio dopo circa 15km. ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~ #robedimontagna #alpi #orobie #italia #natura #friends #laghidiporcile #cimadilemma #spring #hiking #sorrisi #goodtime #landscape_captures #lombardia_super_pics #igersitalia #orobie4you #paneesalame #pota #solocosebelle #hikingtheglobe #montagne_my_life #bergamo

A post shared by Robe di Montagna (@robe_di_montagna) on

View this post on Instagram

Prosegue la nostra esplorazione dei piccoli e poco conosciuti borghi della bergamasca. È la volta della val Seriana, partiti da Colzate in sella alle nostre bici, ci incamminiamo lungo la salita oltre il centro abitato, sulle pendici del monte Cavlera. Raggiungiamo il maestoso santuario di San Patrizio, risalente all’anno mille, che domina la valle aggrappato a uno sperone roccioso. Proseguiamo oltre, pedalando su una salita impegnativa, ma dalle pendenze sempre dolci e costanti, fino a raggiungere la tranquilla frazione di Bondo, che con le sue case immerse tra i pascoli mitiga la nostra fatica. La parte conclusiva della salita ci regala una splendida vista sulla sottostante e verdissima val del Riso, terra di collegamento tra il passo Zambla e la valle Seriana. Arriviamo a Barbata, una frazione di Colzate, posta ad un'altezza di circa 900 m sulle propaggini orientali del monte Cavlera. Pensate che gli abitanti stabili di Barbata sono 10. Al termine della strada che percorre la località è situata la Chiesa della Madonna della Mercede, sussidiaria della Parrocchia di Bondo, che grazie alle sua panoramica balconata ci concede una piacevole sosta per un boccone, immersi in un ascetico silenzio. Tornati in sella ai nostri mezzi imbocchiamo la mulattiera denominata via dei Molini, che tra fitti boschi e greggi di belanti pecore, ci porta a valle, esattamente nel borgo di Riso, dal quale imbocchiamo la tranquilla ciclovia Valle del Riso lungo il frizzante torrente, fino a ricongiungerci con quella della val Seriana, che in pochi minuti ci riporta al nostro punto di partenza. ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~ #mtb #orobie #orobie4you #montagne_my_life #mountains #montagna #robedimontagna #neverstopexploring #lanostrapalestraèdifferente #ridelife #pedalando #sentieri #trail #mountaneering #mountainbike #mtblife #borghi #cavlera #valdelriso #valseriana_e_scalve #friends #sorrisi #pascoli #quiete #scappodallacittà #bergamo #bergamofoto #vivobergamo #cannondale #giantbikes

A post shared by Robe di Montagna (@robe_di_montagna) on