Da Almenno S.S. alla Roncola

By wello

Torna alle escursioni Revisiona escursione

L’inizio si trova ad Almenno San Salvatore dove risale, con gradevole percorso in mezzo al bosco, sino alla Roncola, prima sosta e balcone di notevole effetto sulla pianura e sull’arco prealpino del sentiero cai 571.
Un’uscita per tutte le stagioni che attraversa luoghi di antico insediamento, un tuffo non solo nel verde dei boschi e nel silenzio, ma anche nella storia rurale, contadina, dei nostri avi.

Curato negli ultimi anni dal GAMASS (Gruppo Amici della Montagna di Almenno San Salvatore) finalmente è ora nuovamente segnato dalla Commissione Sentieri, in collaborazione con gli amici di Almenno.

Da Almenno San Salvatore si sale in direzione della Ca’ Verde (via Bersaglio) e per boschi si arriva alla Cappelletta degli Alpini, poi a Carobais ed infine alla Roncola. Farà senz’altro effetto sapere di risalire lungo una piacevole mulattiera non molto distanti dalla pur battuta strada provinciale che conduce alla Roncola.

Per un breve tratto (300 m) è necessario oggi percorrere la strada provinciale, che si può evitare subito dopo aver incrociato la strada deviando a destra e allungando per poco il giro.

Inoltre sono possibili numerose varianti lungo la fitta rete di sentieri e mulattiere.

Giunti alla Roncola si può proseguire l’ascesa sempre sul sentiero n°571 noto per seguire tutto lo spartiacque della Vall’Imagna.

È un ottimo percorso per sfuggire alla calura in quanto quasi completamente all'ombra del fitto bosco, a pochi minuti di auto da Bergamo, e cosa non meno importante, si incrocia davvero poca gente lungo il sentiero.

robedimontagna sentiero

Sentiero

571

robedimontagna distanza

Distanza

10 Km

robedimontagna vallata

Valle

Valle Imagna

  • Tempo andata

    1:50h

  • Tempo ritorno

    1:00h

  • Partenza - Arrivo

    Via Str. del Paciuk
    Almenno San Salvatore
    Parcheggio inizio via

  • Presenza di acqua

    Niente acqua

  • Difficoltà

    E - Escursionistico

E

Difficoltà: E - Escursionistico

Itinerari su sentieri od evidenti tracce in terreno di vario genere (pascoli, detriti, pietraie…). Sono generalmente segnalati con vernice od ometti (pietre impilate a forma piramidale che permettono di individuare il percorso anche da lontano). Possono svolgersi anche in ambienti innevati ma solo lievemente inclinati. Richiedono l’attrezzatura descritta nella parte dedicata all’escursionismo ed una sufficiente capacità di orientamento, allenamento alla camminata anche per qualche ora.